essere infelici : c'è sempre una scelta

Essere infelici : c’è sempre una scelta

Al mondo , esistono numerose persone perennemente infelici.

Mi verrebbe quasi da dire che infelici si nasce.

In realtà è solo una questione legata prevalentemente al contesto sociale nel quale siamo cresciuti.

Se , a partire dalla nostra infanzia , il modello che abbiamo avuto davanti ai nostri occhi è molto vicino a queste caratteristiche , noi quasi sicuramente ne verremo influenzati.

Quando nasciamo , siamo come un foglio bianco , non possiamo conoscere cosa ci aspetta o come bisogna stare al mondo , quindi prendiamo per unica realtà quella in cui viviamo.

Questo è sicuramente il primo Imprinting che acquisiamo alla nascita.

Cos’è l’imprinting ?

L’imprinting è un termine che definisce una particolare modalità di apprendimento che può avvenire solo nelle prime ore dopo la nascita , cioè nei primi tre giorni.

Non è un comportamento innato , ma neppure possibile durante tutto l’arco della vita.

Ha caratteristiche intermedie , poichè rimane legato sia alle informazioni che il nuovo nato riceve dal mondo esterno sia dalla predisposizione genetica.

( Definizioni tratte dal sito : https://www.fondazioneveronesi.it/magazine/articoli/neuroscienze/imprinting-cio-che-e-impresso-nella-nostra-mente-fin-dalla-nascita )

Io invece voglio usare questo termine per una definizione più ampia.

Quindi in breve : le sensazioni che provo quando nasco e durante il mio sviluppo come persona , abbinate ai fattori genetici riempiono il mio foglio bianco con caratteristiche differenti da individuo ad individuo.

L’importanza dei valori

Detto questo , ogni famiglia , a sua volta per gli stessi motivi , trasmette ai propri figli valori differenti.

Non sono qui per giudicare nessuno , perchè sono convinta che ogni genitore a modo suo cerchi di fare il meglio delle sue possibilità per i propri figli.

Quello su cui vorrei porre l’attenzione è però la scaletta di valori che ognuno ha.

Le persone secondo me più infelici , sono coloro a cui è stato insegnato che la vita è bella solo quando puoi comprare ciò che desideri , che la felicità è realizzarsi lavorativamente percependo uno stipendio superiore alla media.

Gli è stato insegnato che se vogliono essere felici , non si devono mai accontentare!

Il loro concetto di vita ideale è che bisogna essere impegnati costantemente per raggiungere i propri obbiettivi e che fermarsi e riposare , o vivere più lentamente non li porterebbe a realizzare ciò che vogliono.

Inoltre agli occhi degli altri risulterebbero svogliati e senza ambizione.

Secondo loro , le persone felici dovrebbero avere una famiglia , possibilmente con due o più figli e una casa da sogno , il più grande possibile.

Ma…se le persone , delle quali il loro giudizio per noi è fondamentale , hanno tali aspettative nei nostri confronti , come possiamo noi vivere serenamente , ESSERE FELICI , e soprattutto essere noi stessi?

Potete quindi immaginare , che abitare in un contesto sociale di questo genere , vi porterà a sentirvi spesso inadeguati nel caso in cui non soddisfiate le aspettative delle persone a voi care.

Creare una situazione felice con questi presupposti è molto difficile.

Liberi di essere chi vogliamo

Immaginatevi poi bambini : i vostri genitori vi portano sul palmo della mano perchè siete bravissimi a scuola , rinunciate al gioco per studiare e sopprimete la rabbia ogni qualvolta che vorreste opporvi alle loro decisioni.

Pero’ , le loro lodi sono linfa per voi e siete disposti a forzare il vostro modo di essere per renderli orgogliosi di voi.

Molto probabilmente , questo tipo di genitore sarà altrettanto impegnato con lavori di alto rilievo o con lavori molto impegnativi , perchè a sua volta dovrà dimostrare il suo valore .

Non avrà quindi tempo di seguire il figlio da vicino , e non avrà neanche il tempo di conoscerlo come individuo , di conseguenza non capirà mai le sue vere esigenze e le sue vere ambizioni.

Non potrà per questo indirizzarlo verso la strada per lui più adatta secondo le sue passioni e lo spingerà a fare studi o lavori di un certo tipo perchè stabilito dai luoghi comuni della società.

Troppo stanco e preso dai suoi problemi , il genitore non avrà tempo di ascoltare il figlio che gli espone la sua giornata e i suoi risultati , e risolverà il tutto con una pacca sulla spalla mentre guarda il telegiornale e una bella banconota come premio.

Diventare adulti insoddisfatti

Poi immaginatevi grandi , quasi adulti , con un buon lavoro ma con poca vita sociale , perchè come voi molti altri saranno impegnati per gli stessi motivi.

Avere poi una cerchia di amicizie con i suddetti valori , sicuramente non porterà qualità alla vostra vita.

Qualcuno potrebbe anche usarvi per raggiungere determinati scopi e voi comincerete a non credere più neanche nell’amicizia .

Avrete poi i vostri genitori che se non siete fidanzati insisteranno perchè lo diventiate , e se lo siete che vi sposiate come fanno tutti.

Se invece siete sposati , ad ogni pranzo di famiglia , non mancherà la fatidica frase : Allora?Quando ci fate un nipotino ?!

Capite bene come sia difficile vivere senza l’influenza degli altri e quanto possa incidere tutto questo con il nostro benessere psicologico.

Avere una famiglia è una responsabilità

Infine , se sarete fortunati , avrete anche voi il piacere di avere una vostra famiglia.

Decidere di farsi una famiglia implica però delle responsabilità e il dispiego di molte energie.

Ora ditemi , con i presupposti elencati sopra , se i valori che vi hanno insegnato si basano prevalentemente sul dare un valore materiale ad ogni vostro obbiettivo , che prezzo date alla vostra famiglia?

Si , è brutto dirlo , ma troppi genitori pensano che essere un buon padre o una buona madre significhi garantire una vita agiata ai propri figli dove non debbano rinunciare a niente.

Ma un figlio cresce sano e felice se il genitore è presente affettivamente , un genitore che non ha tempo per i figli ha lo stesso valore di un estraneo.

Allo stesso modo , un compagno o una compagna che sopperisce alle sue mancanze con beni materiali non otterrà mai la stessa empatia di uno che si prende il tempo di ascoltare e coccolare la persona che ama.

Questa infinita corsa a creare un castello d’oro , non si concluderà mai e insieme all’eterna insoddisfazione , risucchierà con se la possibilità di circondarsi di affetti sinceri che con il loro amore darebbero una svolta alla vita che hanno tuttora.

Ma non hanno il tempo di accorgersene ,e non lo sanno perchè per loro è giusto così , perchè quella è l’unica versione della vita che hanno conosciuto.

Lamentarsi di continuo porta ad essere infelici

Queste persone sono facilmente riconoscibili anche dal fatto che , nonostante tutto NON SONO MAI CONTENTE.

Troveranno sempre qualcosa di cui lamentarsi , il lavoro , la famiglia o la propria salute.

Non sono persone obbiettive , i loro problemi , qualsiasi essi siano sono più grandi di quelli degli altri.

Non aver gettato le basi per una vita sana e serena minerà la loro autostima e saranno sempre più insicuri e più disorientati su ciò che vogliono.

A lungo andare il loro EGOCENTRISMO allontanerà anche coloro con sincere intezioni e questo li inacidirà sempre di più.

Non vedendo alternative di vita ed essendo fermamente convinti di essere nel giusto sceglieranno inconsapevolmente di ESSERE INFELICI.

Scegliere di essere infelici

L’infelicità non è uno stato definitivo e irrisolvibile.

Nella vita solo la morte non è sotto il nostro controllo.

Tutto può cambiare , tutto si modifica basta volerlo , basta aprire gli occhi.

BASTA ACCONTENTARSI.

Riuscire ad apprezzare le piccole cose della vita è la strada per il cambiamento.

Gli oggetti si cambiano , si rompono , si aggiustano e si ricomprano.

L’AMORE E L’AFFETTO hanno ben altre caratteristiche , se si rompono , non sempre si aggiustano e soprattutto NON SI COMPRANO.

Come i semi delle piante , hanno bisogno di nutrimento e cure.

Ma se sapremo curarle nel modo giusto i frutti che ne raccoglieremo saranno dolci e speciali.

Le persone di cui ci circondiamo , possono fare un’enorme differenza sulla qualità della nostra vita.

Non si può essere felici senza conforto e senza le cure dei nostri cari.

La legge dell’attrazione

La legge dell’attrazione si basa sul principio che i pensieri che facciamo diventano realtà, ovvero che siamo in grado di attrarre ciò che pensiamo.

Per riuscire a far ciò è necessario eliminare la negatività dalla nostra vita.

Ora , se bastasse pensare ad una cosa per ottenerla , sarebbe la soluzione a tutti i problemi.

In realtà il concetto di questo principio è molto importante , ossia che la positività è alla base dei nostri risultati.

Essere persone serenenità è un risultato che si può raggiungere se i nostri pensieri sono orientati a farlo.

Riuscire a vedere i COLORI DELLA VITA è il primo passaggio che aprirà la vostra mente alla FELICITA’.

Osservare gli altri per imparare e trarne esempio

Vi sarà sicuramente capitato di conoscere persone realmente in difficoltà o con problemi più grandi dei vostri , qualcuno con una brutta malattia o con serie difficoltà economiche , o altro.

E fra queste ci sarà sicuramente qualcuno con il sorriso stampato sul viso sempre e comunque.

BENE , RICORDATI che queste persone sono speciali , perchè hanno capito che la vita è un dono e nonostante tutto fanno di tutto per onorarla.

Queste persone hanno imparato a paragonarsi agli altri per capire che la vità è fatta di mille difficoltà , e ognuno ha da lottare con qualcosa di brutto ogni giorno .

La differenza sta nel COME .

Conclusioni

In conclusione , ricordate che c’è sempre un modo per cambiare il proprio destino.

Se volete dei suggerimenti per partire vi rimando all’articolo precedente.

L’umiltà , l’apprendimento e la forza di volontà sono gli ingredienti fondamentali per avere una visione obbiettiva e chiara di ciò che vogliamo.

Siamo noi a SCEGLIERE DI ESSERE FELICI O INFELICI e soprattutto sta a noi rendercene conto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *